Il Mercato Marziale /3

Terza raccolta delle proposte marziali presenti su YouTube.

7 – Corsi di Scherma Medievale a Bari

Non mi intendo di scherma medievale, ma non credo che basti indossare una tunica e saper tirare quattro fendenti per insegnarla. Leggendo sul sito del “Maestro” in questione oltretutto si evince che non ha un attestato che lo abiliti all’insegnamento di tale disciplina. Chiaro, non vuol dire niente, però a occhio mi sembrano cose fatte un po’ per gioco.

 

8 – MMA Surge – Defending Against a Knife Attack

HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!! FANTASTICO!!

Già la scenetta di apertura strappa un sorriso, ma al minuto 1 arriva il meglio:

Chi ha un coltello ha una sola arma, io ho le mani, i gomiti, le ginocchia, i piedi..” – LOL

Un cialtrone di prima categoria che non si rende conto di quanto è pericoloso il video che ha pubblicato. Un ragazzino che si trovasse in una situazione di aggressione armata potrebbe decidere di tentare di applicare una delle tecniche viste nel video invece di usare il buon senso e fuggire. E qui mi passa la voglia di ridere.

Ho avuto anche lo stomaco per guardare altri suoi video, ci vuole coraggio per andare su youtube con del materiale del genere. Ho letto nei commenti un ironico “Quand’è che torni a fare MMA? Hai uno score di 9-12 da migliorare!” che ti fa capire perché ora si dedichi a video di questo tipo.

 

9 – Stick Fighting Part 2 Systema Russian Martial Art

Per la serie “perché allenarsi tanto se basta muoversi come un ubriaco”?

Migliaia di bastonate contro un copertone duro come la pietra, ore di sparring, tecniche ripetute alla nausea, calli alle mani… tutto tempo perso! Te lo dimostra il russo in mimetica e mocassini con l’aiuto del partner-pupazzo che lo asseconda in ogni movimento (tranne quando il grandmaster sbaglia e lo ciapa sulle pelotas – quello era autentico). Ed è pieno di gente che ci crede!

Va bene, sono solo esibizioni-drill-esercizi-passatempi, ma di cosa stiamo parlando? Cosa c’entra questo con lo stickfighting? Boooooh.

Annunci

6 comments

  1. Ciao Skeptic, complimenti per le argomentazioni del sito! sei stato il primo che ho trovato in giro per la rete a trattare con spirito critico e sarcasmo un mondo saturo di santoni e Ken Shiro più o meno improvvisati.
    Vorrei dirti la mia circa i filmati che hai pubblicato:

    1) Scherma medievale: L’arte di spennare quattrini a nerds esaltati e metallari in sostanza he he ^_^ devo dire però che gli unici che mi è capitato di conoscere la praticavano in maniera molto appassionata e per nulla da esaltati (ti parlo di stili di scherma di origine italiana di solito con bastone o coltello, tipo Liu Bo se conosci o gli stili di coltello delle varie regioni d’Italia) che ovviamente tutte le tecniche che studiavano (sopratutto per quanto riguarda gli stili di coltello) cercavano di metterle in pratica in combattimenti full contact (ovviamente protetti almeno dalla maschera)

    2) MMA……knife defence??: Geniale! sei un esaltato appassionato di MMA perchè a te piace prendere le botte sul serio? beh allora visto che pratichi uno sport da combattimento così simile alla realtà puoi insegnare tutto! anche a cucinare i cavoletti di Bruxelles!
    Scherzi a parte no. Non è cosa. A parte il video micidiale sulla difesa da coltello a mani nude (Io insegno Escrima Concepts e Kyusho Jitsu, ma sono sempre il primo critico di me stesso circa la possibilità di difendersi da un coltello, nonostante la quasi toalità delle arti marziali filippine decanti il proprio bagaglio tecnico come quello definitivo a riguardo) ma qui si va, come hai descritto tu, a far credere davvero alla gente che ha la sfortuna di rivolgersi a te che riuscirà a difendersi egregiamente contro qualsiasi attacco di coltello. A qualcuno non peserebbero dei morti sulla coscienza evidentemente.

    3) L’arte marziale RUSSA DEFINITIVA! tenutaci nascosta per millenni finora!!!! OMG!:

    Pensa che mi ero messo in testa di imparare ad eseguire davvero il Balistic Strike, se hai presente, il colpo di pugno portato con il braccio totalmente rilassato di modo che possa trasferire la forza del peso dello stesso, contro l’avversario. Inutile dire che quello è l’unico concetto che ho trovato interessante di tutto il companatico….le tecniche di bastone nel video sono quanto di più qualunquista ci sia. Va bene usare l’anatomia umana per “piegare il tuo avversario senza sforzo” ma questa è solo una danza tra due gentiluomini. Se hai poi dato un occhiata alle tecniche di difesa da coltello di Mikhail Ryabko (uno dei fondatori) con disarmi col solo uso della pancia sul coltello appoggiato ad essa. Poesia pura.

    Ti ringrazio per il tuo “lavoro” qui apprezzo molto che ci sia gente come te in questo ambiente, è una ventata di aria fresca ^_^

    1. Ciao Giorgio, grazie per i complimenti! So di non essere l’unico ad avere il prurito per i cialtroni, so che siamo tanti ma fa un altro effetto trovarsi direttamente a discutere, anche se attraverso un blog. Perciò grazie per esserti manifestato!!

      Riguardo agli spunti che hai fornito:

      Non conosco li Liu Bo (cioè, so cos’è ma non mi sono mai cimentato nella paranza e quindi non ho esperienza diretta), però sono stato iniziato alla tradizione di un sistema familiare di coltello napoletano mentre dall’altra parte ho conosciuto qualche rappresentante di scuole tradizionali italiane e loro istruttori e allievi. C’è da dire che il marketing e il commercio sono entrati anche li, c’è molta differenza tra quello che ho avuto modo di praticare e quello che ho visto fare in queste scuole, in qualche caso addirittura si è trattato, a mio avviso, di kali travestito da coltello regionale. La gente si beve di tutto, basta che sia dolce.

      Per la difesa da coltello poi, non ne parliamo. Già knife fighting e difesa da coltello sono due cose completamente diverse, figuriamoci rapportare le mma al coltello. Ma per piacere.

      Nel Systema poi lo trattano come se fosse un giocattolo, ma non vedi mai fare la prova a velocità reale con coltello tracciante, maschera e guantoni. Comunque Il “balistic strike” che tu menzioni non dovrebbe esserti nuovo, Latosa per esempio ne insegnava i principi almeno fino agli anni ’90. I systemisti sono stati in gamba a porre l’accento nei loro video su questo principio, ma Bruce Lee lo descriveva già negli anni ’60. E’ patrimonio di chi combatte.

      Da praticante di Kyusho, hai avuto modo di leggere il mio commento (mercato marziale/1) riguardo al video che ho postato? Cosa ne pensi?

      Grazie ancora per il commento!

  2. Buonasera Martialskeptic, desidererei sapere se il praticante di mma del video è a conoscenza del fatto, che illustri lottatori di mma come Blagoi Ivanov o Lee Murray, ci hanno quasi rimesso la pelle con il coltello, ma lui avrebbe certamente fatto di meglio(ridiamoci su va). Se me lo consente desidererei fornirle altro materiale ancora di casa kravhttps://www.youtube.com/watch?v=jYgi19rqqLc. Un saluto rispettoso e auguri per la sua attività. Grazie!

    Mario.

    1. Buongiorno Mario! Mi scuserà la risposta tardiva ma mi sono concesso un periodo di pausa estiva. Molto esemplificativo il video che ha postato, i commenti critici sotto per fortuna indicano un buon grado di giudizio anche se non tutti colgono il punto per me. Il Maestro nel video esordisce con “Ju Jitsu fanno quello – noi….” ma non è la tecnica il problema, è l’ambiente in cui questa è sviluppata. Non c’è nulla di vagamente realistico se l’aggressore fa un movimento mentre chi si difende ne fa tre, se chi attacca lo fa con un arto e chi si difende lo fa con quattro e via dicendo.. il problema non è il Ju Jitsu (da cui buona parte del repertorio classico del Krav Maga trae origine) o il KM, il problema è l’ambiente di sviluppo. La bontà di una risposta difensiva dipende sempre dalla qualità dell’attacco. Mi è capitato di svolgere seminari di knife fighting in scuole di Krav Maga perché gli istruttori e allievi desideravano avere esperienza di un modo diverso di usare il coltello e quindi verificare quanto del loro approccio fosse azzeccato e quanto invece fosse carente. Lo trovo un modo intelligente e onesto per chi si propone di insegnare la difesa personale e non un’arte marziale tradizionale di mettere alla prova il proprio bagaglio. Troppo spesso invece si fa affidamento al Gran Master John Rambo della situazione, estremamente specializzato in arti marziali, botanica, fisica, chimica e tutto quello che hai bisogno di sapere senza dover andare in giro da altri per impararlo.

      1. Grazie per la sua risposta, ormai è assodato che lei è una persona molto schietta e soprattutto molto onesta, lo dico senza mezzi termini, fortunati i suoi allievi. Per ciò che attiene la risposta tardiva, beh tutti abbiamo bisogno di rilassarci, io trascorrerò un paio di giorni di vacanza a partire da domani. Distinti saluti!

        Mario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...